18 febbraio 2009

TRENTASEIMILA AGHI NEL PAGLIAIO


Smarrire volutamente gli aghi nel pagliaio è un vecchio gioco
vecchio è il mio cercare i tuoi occhi colmi di trasparenza
prendere la tua mano o sfiorarla volutamente,
no , no amare, ho fatto solo per caso famiglia
rispetto i comandamenti, bestemmio e non vado mai in chiesa
mi mettono spesso in castigo a scuola
o dentro il discorso della Rivoluzione
e nella pausa pranzo dimentico aghi e pagliaio.
Cerco il tuo non cercare un cazzo di niente
mi impegno ad essere liberale, liberato, libero
posso fare lo spaccone con te e con chi mi pare
anche nella valle del peccato ci sono solo posti a sedere
Ma che fai lo prendi un caffè ? Ho voglia di baciarti
ho fatto famiglia per caso e rispetto i comandamenti
anche quando uccido delle verità mi pento
c'è posto per me, c'è posto per me in paradiso
e dell' inferno disconosco gli attori ma non il regista.
Ma che fai, vuoi venire al cinema con me ?
Nel senso di avere orgasmi dentro la sala
masturbarsi con la Rivoluzione
lanciare trentaseimila aghi in un enorme pagliaio
grande quando la cupola di San Pietro
sterili e sterilizzati quanto le parole mascherate.
Poi vi chiederò che cazzo intendete dire
quando affermate con convizione :
zone neutre, di parte, qua e là
negli spazi ideologicizzati del purgatorio
nell' affermazione di un idea che nasce.
Ma come cazzo fa a nascere un' idea ?
La pausa pranzo è finita, tornate in trincea
il pagliaio non prende mai fuoco
e i posti a sedere hanno inquinato tutta la valle.


pino amaddeo

8 Commenti:

Alle 2:24 PM, febbraio 25, 2009 , Blogger Demetrio ha detto...

Dal titolo mi è venuto il ricordo del famoso romanzo di Verne , Ventimila leghe sotto i mari, e forse qualche similitudine si può trovare…in fondo anche il capitano Nemo non era tagliato per vivere sulla terra ferma…

 
Alle 6:18 PM, febbraio 25, 2009 , Anonymous Francesco Villari ha detto...

tutti sanno e nessuno sa
presto a disposione per disposizioni che altri non vangano
tu si
io pure
loro dalle 08:00 alle 08:15
loro dalle 08:16 alle 08:31
alla fine si prenderanno tutti i complimenti.

qualcuno ha lavorato un minuto in meno.

 
Alle 8:06 PM, febbraio 25, 2009 , Blogger Pino A. ha detto...

si complimenti confezionati.

 
Alle 11:49 PM, febbraio 25, 2009 , Blogger Pino A. ha detto...

scrivo le mie "stronzate" e poi metto i titoli.
nel caso in questione anch' io subito dopo ho pensato a Verne e poi ad Apollinaire... ma sono momenti, poi passa tutto ed il pagliaio continua a bruciare.

 
Alle 1:31 PM, febbraio 26, 2009 , Blogger Demetrio ha detto...

di queste "stronzate" si può fare una traduzione in dialetto reggino...

 
Alle 7:34 PM, febbraio 26, 2009 , Blogger Demetrio ha detto...

Perdiri apposta i ugghi nto pagghiaru è nu iocu vecchiu
vecchiu è u me circari i to occhi chini i trasparenza
pigghiari a to manu o ma sfioru volutamenti,
no, no amari, fici pi casu na famigghia
rispettu i cumandamenti, bastemmiu e non vaiu mai a cresia
mi mentunu sempri in castigu a scola
o intra u riscursu ra Rivoluzioni
e nta pausa pranzu mi sperdu ugghi e pagghiaru.
Cercu u to non circari u cazzu i nenti
m’impegnu mi sugnu liberali, liberatu, liberu
pozzu fari u spacconi cu tia e cu cu mi pari
puru nto vadduni ru piccatu ci sunnu posti mi ndi ssittamu.
Ma chi fai tu pigghi nu cafè? Aiu vogghia mi ti baciu
fici famigghia pi casu e rispettu i cumandamenti
puru quando mazzu i verità mi pentu
c’è postu pi mia, c’è postu pi mia nto paradisu
e ru nfernu non canusciu l’attori ma no u regista.
Ma chi fai, vo viniri o cinima cu mia?
Cioè ti ndiveni intra a sala
ti fai na spugnetta ca Rivoluzioni
lanciari trentaseimila ugghi nti nu randi pagghiaru
randi quantu a coppula i San Petru
sterili e sterilizzati quantu i paroli mascherati.
Poi vaiu a dumandari chi cazzu vuliti riri
quandu riciti convinti:
zoni neutri, i parti, icca e dda
nte spazi ideologizzati ru purgatoriu
nto cunfirmari i n’idea chi nasci.
Ma comu cazzu faci mi nasci n’idea?
A pausa pranzu finiu, turnati nta trincea
u pagghiaru non pigghia mai focu
e i posti assittati nquinaru tuttu u vadduni.

 
Alle 9:00 PM, febbraio 26, 2009 , Blogger Pino A. ha detto...

Si ma è "troppo" tradotta
in realtà(ma per me è facile visto che
l'ho scritta io) col mio scarso e personale dialetto reggino sarebbe così :


Mi si perdunu i ugghi 'nto pagghiaru è iocu vecchiu
comu vecchiu è u me circari i to occhi 'mbriachi
o mi ti pigghiu a manu e i propositu mi ta lisciu
no pi diri chi sacciu amari
pirchè sulu pi casu fici famigghia
rispettu i sacramenti, iastimu
e non vaiu mai a missa.
Mi castiunu sempri a scola
o intra e chiacchiari da rivoluzioni
ma quandu è ura i mi incu a panza
mi 'ndi futtu di ugghi e du pagghiaru.
Cercu u to circari u sceccu chi vola
e fazzu i tuttu mi sugnu strafuttenti,
malandrinu e mai sbirru.
Pozzu mi spaccuniu cu ttia e cu autri
puru 'nta vallata du piccatu ci sunnu sulamenti
seggi e seggiuliddi.
Chi fai tu pigghi nu bellu cafè ?
Aiu piaciri mi ti baciu
fici sulu pi casu famigghia
e rispettu i cumandamenti,
puru quandu mazzu i verità mi pentu.
'Nto paradisu avi postu pi mia
e du 'nfernu non sacciu l'attori
ma u regista u canusciu bonu.
Ma chi fai, vo viniri o cinima cu mia ?
Vogghiu diri mi 'ndi vinimu intra a sala
puggnettuni e Rivoluzioni.
Mi lanciamu trentaseimila ugghi
intra nu pagghiaru randi randi
comu a cupula i San Petru
inutili e storti quantu e paroli 'mmucciati.
Ora vi vogghiu dumandari
chi cazzu vuliti diri
quandu parrati cu convinzioni
di zoni neutri, zoni i parti
di 'cca e di 'dda, tippiti e tappiti
intra e spazi da cuscienza o du purgatoriu
ogni iornu chi passa siti sempri chiu convinti.
Ma chi minchia aviti intra a testa ?
A panza è china, 'mbasciati l' occhi
u pagghiaru non pigghia mai focu
ma chi seggi e chi segiuliddi
'mpestastuvu tutta a vallata.

 
Alle 7:24 PM, maggio 03, 2009 , Anonymous Anonimo ha detto...

touché....

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page

Powered by Blogger